venerdì 17 Settembre 2021

traduzione automatica

venerdì 17 Settembre 2021

traduzione automatica

    More

      Vetro e sicurezza

      La norma italiana UNI 7697 detta i criteri di sicurezza nelle applicazioni vetrarie. Questa norma indica i principi per scegliere i vetri da utilizzare in interno che in esterno con i requisiti di garanzia di sicurezza.


      La norma 7697 deve essere considerata uno strumento di lavoro quotidiano da tutti gli operatori del settore (progettisti, imprese di costruzione, serramentisti, vetrai e rivenditori)

      Vetri antincendio o resistenti al fuoco
      Quando si parla di prevenzione degli incendi, è fondamentale scegliere i materiali da utilizzare nella costruzione, in funzione della loro resistenza al fuoco.
      Per la resistenza al fuoco le classi sono quelle dei materiali incombustibili, non infiammabili o difficilmente infiammabili.
      Il vetro e le lastre di vetro prodotte hanno le migliori classificazioni e in particolare incombustibili, per tutti i vetri monolitici e non infiammabili, per la maggior parte degli stratificati.

      Vetri stratificati di sicurezza
      UNI EN ISO 12543
      Insieme composto da due o più strati di vetro uniti insieme con uno o più intercalari plastici (generalmente PVB – polivinilbutirrale). in caso di rottura, l’intercalare serve a trattenere i frammenti di vetro, limita le dimensioni dell’apertura, offre resistenza residua e riduce il rischio di ferite da taglio e perforazione.

      Vetri antinfortunio
      UNI EN 12600
      – prova del pendolo – metodo della prova di impatto e classificazione per il vetro piano.
      La prova simula l’impatto di un corpo umano contro una lastra di vetro.
      Il vetro viene classificato in funzione dell’energia necessaria a determinarne la rottura e le modalità di rottura (B=tipica del vetro stratificato).
      Quando, per la rottura del vetro, si possa cadere nel vuoto da un’altezza ≥ 1 m solo i vetri stratificati con classe prestazionale minima 1(B)1 rispondono a questa esigenza.

      Vetri antieffrazione e antivandalismo
      UNI EN 356
      Resistenza contro l’attacco manuale – Prestazioni antivandalismo (categorie di resistenza da P1A a P5A – prova della sfera d’acciaio).
      L’attacco manuale e gli atti vandalici si esprimono spesso con il lancio di oggetti scagliati in modo più o meno violento.
      I corpi utilizzati e i livelli di energia d’urto associati, descritti dalla norma EN 356 (“Vetro per l’edilizia – Vetro di sicurezza – Collaudo e classificazione della resistenza all’attacco manuale”), definiscono le prestazioni dei vetri esposti a tale rischio.
      I vetri stratificati propongono diversi livelli graduati di risposta alle aggressioni.
      Resistenza contro l’attacco manuale – Prestazioni anti-crimine (categorie di resistenza da P6B a P8B – prova dell’ascia).
      Per questo campo di impiego la norma UNI EN 356 prevede test di resistenza a ripetuti colpi di ascia e di martello.

      Vetri antiproiettile
      UNI EN 1063

      Resistenza ai proiettili di pistole e fucili – la norma ha definito 7 classi per poter coprire le esigenze di protezione rispetto ai proiettili sparati da questa armi (classi da BR1 a BR7).

      Resistenza ai proiettili di fucili da caccia (SG) – la classificazione è trattata in modo specifico nella norma che contempla due classi di resistenza (SG1 e SG2).
      Si distinguono vetri che sotto l’effetto del proiettile producono schegge (S) e quelli che non ne rilasciano (NS).

      Fonte: Assovetro.it – http://store.uni.com/

      Contatta l'autore per ulteriori informazioni










         Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.



        spot_imgspot_img

        Articoli correlati

        Ultimi articoli