back to top
lunedì 20 Maggio 2024

traduzione automatica

lunedì 20 Maggio 2024

traduzione automatica

    Alla scoperta del vetro per la nautica

    Qualche settimana fa abbiamo analizzato il ruolo strategico del vetro nella progettazione di soluzioni per l’industria automobilistica.
    Tale materiale è inoltre tra i protagonisti di un altro settore in cui risultano cruciali i principi di sicurezza e aerodinamicità: la nautica.

    Nautica: i parametri di riferimento

    Le normative che disciplinano l’industria nautica sono piuttosto complesse poiché considerano un parametro specifico per questo campo applicativo: la pressione dell’acqua. La domanda che si pongono i progettisti è: a quali sollecitazioni saranno sottoposti i vetri? Come verranno colpiti dalle onde in base alla loro posizione?
    I complessi calcoli che determinano la scelta della tipologia e della dimensione dei vetri per la nautica tengono conto dei seguenti fattori:

    • la pressione dell’acqua, come già anticipato;
    • la luce netta del vetro, ossia l’area del materiale non incollata a scafo;
    • lo spessore minimo del vetro;
    • la resistenza alla flessione del vetro (caratteristica intrinseca del materiale).

    Ottimizzare le prestazioni delle imbarcazioni

    I vetri per la nautica richiedono un alto grado di specializzazione e lo sviluppo di soluzioni volte a incrementare il valore della resistenza alla flessione per ridurre gli spessori del materiale. Queste tecniche permettono infatti di alleggerire il peso dell’imbarcazione, migliorandone le prestazioni e l’efficienza energetica

    Il processo di stratifica

    Per ottenere questo vantaggio si può ricorrere ad un processo di stratifica controllato, il quale facilita il conseguimento del dimensionamento più opportuno per i vetri destinati all’industria nautica. 

    Nel processo di stratifica si devono tenere in considerazione due aspetti cruciali: la rimozione di impurità che possono depositarsi tra gli strati e la corretta scelta del materiale plastico. Quest’ultimo può essere realizzato attraverso l’impiego di materiali plastici a controllo solare, i quali, mediante l’assorbimento dei raggi infrarossi, permettono di ridurre la trasmissione diretta di calore del 50% e di assicurare il giusto comfort negli ambienti.

    Fonte: venetovetro.it

    Potrebbe interessarti anche: Una ricerca svizzera conferma: le finestre fotovoltaiche potranno essere realtà
    Rimani aggiornato sulle ultime news dal mondo del vetro, segui Vitrum su Facebook!

    Contatta l'autore per ulteriori informazioni






       Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.


      Articoli correlati

      Ultimi articoli