back to top
lunedì 20 Maggio 2024

traduzione automatica

lunedì 20 Maggio 2024

traduzione automatica

    La roadmap italiana del vetro per la decarbonizzazione

    La sfida della decarbonizzazione rappresenta il principale obiettivo dell’industria italiana del vetro. Per raggiungere tale traguardo il comparto sta adottando una strategia pluridimensionale e coordinata lungo l’intera catena del valore. 

    Cinque obiettivi per un vetro green

    Il programma di decarbonizzazione prevede una serie di iniziative, tra cui spiccano:

    • l’elettrificazione degli impianti;
    • l’incremento dell’energia proveniente da fonti rinnovabili;
    • l’impiego di nuovi combustibili a basse emissioni di carbonio;
    • l’alleggerimento degli imballaggi per limitare le emissioni associate alla produzione e al trasporto;
    • l’aumento dell’utilizzo di rottame di vetro nella produzione. Solo nel 2022 sono state risparmiate, grazie a questa soluzione, oltre un milione di tonnellate di emissioni dirette.

    Incentivi per una decarbonizzazione organizzata

    Nel biennio 2021/2022 gli investimenti per la la riduzione dei consumi e delle emissioni hanno tracciato un evidente cambio di paradigma, che deve essere ora sostenuto da sistemi incentivanti a sostegno delle aziende, similmente a quanto avvenuto in Germania e negli Stati Uniti, mediante l’approvazione di piani di supporto economico.

    Il report di sostenibilità stilato da Assovetro, l’Associazione degli industriali del vetro aderente a Confindustria, palesa l’impegno green delle aziende del settore: il 68% del campione analizzato ha infatti formalizzato una roadmap di decarbonizzazione entro il 2030 o il 2050.

    I risultati raggiunti

    L’industria italiana del vetro riveste un’importanza strategica su scala continentale, rappresentando il 21,3% della produzione europea di imballaggi. Un dato che può e deve influenzare lo stanziamento di piani di supporto che sostengano i progetti di decarbonizzazione.
    Nel 2022, la percentuale di energia rinnovabile sul totale dei consumi ha segnato un +1% rispetto all’anno precedente, superando quota 11%.

    E l’industria, tra il 2016 e il 2022, è riuscita ad ottenere importanti risultati nella limitazione dei consumi idrici (39%) e nella riduzione delle emissioni non solo di CO2, ma anche di NOX (41%), SOX (49%) e polveri (53%).
    Nell’ultimo decennio, inoltre, il peso medio delle bottiglie di vino è diminuito del 12%, mentre l’impiego del rottame di vetro è giunto all’85/87% nella produzione di imballaggi scuri.

    Gli impatti della crisi

    L’inflazione e la crisi geopolitica hanno innescato una crisi dei consumi che ha avuto alcune ripercussioni anche sul comparto del packaging. Nel 2023 la produzione di vetro cavo è diminuita del 5,3% per le bottiglie e dello 0,9% per i vasi.
    In negativo è anche il risultato dell’export per le bottiglie e i vasi, rispettivamente del -18,3% e del -30%. La situazione risulta, invece, meno preoccupante per l’import: -11,6% per le bottiglie e +5,5% per i vasi.
    Ma è giusto tenere alta l’attenzione e richiedere un sistema di incentivi che si prenda cura e sospinga il valore di una filiera simbolo dell’eccellenza del Made in Italy.

    Fonti: assovetro.it, quifinanza.it

    Potrebbe interessarti anche: Close the Glass Loop accoglie un nuovo membro nella partnership
    Rimani aggiornato sulle ultime news dal mondo del vetro, segui Vitrum su Facebook!

    Contatta l'autore per ulteriori informazioni






       Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.


      Articoli correlati

      Ultimi articoli