lunedì 5 Dicembre 2022

traduzione automatica

lunedì 5 Dicembre 2022

traduzione automatica

    Un’alleanza per l’idrogeno: l’industria vetraria statunitense saprà accettare la sfida?

    L’esigenza di accelerare la transizione energetica e la richiesta di processi, soluzioni e prodotti sostenibili sospingono l’industria vetraria verso un largo impiego dell’idrogeno. Solo qualche settimana fa abbiamo presentato H2GLASS: il progetto europeo per la decarbonizzazione del vetro basato sulle potenzialità offerte dall’idrogeno verde. E anche aldilà dell’Atlantico la risposta non si è fatta attendere.

    Il progetto

    I produttori di vetro statunitensi sono stati incoraggiati a unirsi a un hub di produzione dell’idrogeno. Attualmente OI, Libbey, NSG, Johns Manville, insieme al Glass Manufacturing Industry Council (GMIC), hanno dichiarato che prenderanno parte a tale proposta. La speranza è che un numero sempre maggiore di aziende aderisca al programma al fine di ottenere finanziamenti governativi, prossimi al miliardo di dollari, capaci di sostenere e far progredire il progetto.

    Il supporto governativo

    Il dott. Scott Cooper, presidente del GMIC, ha delineato la proposta al seminario sulla decarbonizzazione energetica nella produzione del vetro nel contesto della ottantatreesima conferenza sulle criticità/ problematiche del vetro.
    Tale intervento ha tenuto conto della volontà del governo americano di formare hub per l’idrogeno su suolo statunitense, come parte dell’Infrastructure Investment and Jobs Act (IIJA)
    Il governo ha infatti stanziato 8 miliardi di dollari per lo sviluppo di questi centri regionali al fine di dimostrare la fattibilità della catena del valore dell’idrogeno nella produzione, lavorazione, consegna, stoccaggio e uso finale.

    Il dott. Cooper prevede la creazione di un minimo di 6 e un massimo di 10 hub, finanziati per il 50% dal governo e per la restante parte dalle industrie e da contributi in natura (installazione di tecnologie e apparecchiature utili all’impiego di idrogeno all’interno dei singoli stabilimenti).

    Unità inter e intra-settoriale

    La proposte complete dovranno essere presentate al governo entro il 23 aprile. Non è difficile comprendere come in ottica decarbonizzazione la soluzione più vantaggiosa per il settore del vetro sia quella di presentarsi compatto, pro-attivo e coraggioso nei confronti di un cambiamento epocale. All’unità di intenti della filiera vetraria andrà però abbinato un dialogo produttivo con l’intero comparto manifatturiero, al fine di creare una sinergia duratura votata ad uno sviluppo condiviso e sostenibile

    Fonte: glass-international.com

    Potrebbe interessarti anche: Nuovi progressi per le celle di Grätzel: il futuro del fotovoltaico?
    Rimani aggiornato sulle ultime news dal mondo del vetro, segui Vitrum su Instagram!

    Contatta l'autore per ulteriori informazioni










       Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.



      spot_imgspot_img

      Articoli correlati

      Ultimi articoli