giovedì 9 Febbraio 2023

traduzione automatica

giovedì 9 Febbraio 2023

traduzione automatica

    I forni fusori per la produzione del vetro

    Per la produzione del vetro si utilizzano attualmente due tipologie di forni: i forni a crogiolo o a vasca e i forni a bacino.

    I forni a crogiolo vengono impiegati nei processi artigianali ed artistici.

    Sono costituiti da un forno costruito con mattoni refrattari (pareti in materiale silico-alluminoso e volta di silice) all’interno del quale sono presenti uno o più contenitori refrattari (in argilla o sabbia silicea) di forma cilindrica con capacità da qualche decina di kg ad oltre una tonnellata di vetro (capacità media 500 kg/giorno).
    Dopo l’accensione ed il preriscaldo, che dura alcuni giorni, il forno rimane sempre acceso ed, in alternanza, vengono effettuati il caricamento e la fusione della miscela vetrosa e quindi l’estrazione e la lavorazione del vetro fuso, con temperature di esercizio che oscillano fra 1400°C (fusione) e 1000°C (lavorazione). Lo spegnimento per il rifacimento del forno avviene dopo parecchi mesi.

    Contatta l'autore per ulteriori informazioni






       Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.


      spot_imgspot_img

      Articoli correlati

      Ultimi articoli