lunedì 10 Maggio 2021

traduzione automatica

lunedì 10 Maggio 2021

traduzione automatica

Il vetro retinato

Il vetro è un materiale impiegato per numerosissime lavorazioni edili.

Sono state sviluppate delle nuove soluzioni in grado di rinforzare in modo sensibile la resistenza delle lastre vetrate, così da rendere questo materiale più sicuro e solido.

Una delle soluzioni adottate è stata quella della retinatura.

E’ un processo che prevede di colare e laminare il vetro fuso con all’interno una rete di acciaio, in modo da conferire delle caratteristiche tecniche superiori rispetto ai vetri normali.

Questa soluzione viene spesso utilizzata per la realizzazione di parte dei parapetti vetrati, per conferire loro la migliore resistenza possibile.

Le caratteristiche principali del vetro retinato

Il vetro retinato, chiamato anche vetro armato, è un vetro di tipo sodico calcico con una superficie levigata.
Al suo interno si trovano spesso dei fili metallici cromati che possono anche creare una rete complessa.
Questi vetri vengono ottenuti con la sistemazione di una rete elettrosaldata tra 2 lastre di vetro allo stato pastosa, che vengono poi fusi in una unica lastra, che, solitamente, presenta uno spessore di 6/10 mm.

Questa soluzione, come è prevedibile, permette di conferire alle lastre un’ottima resistenza agli urti, grazie all’armatura che viene annegata all’interno della lastra.
Per la presenza della rete metallica, questi vetri non possono venire sottoposti al processo di tempratura, cosa che avviene per conferire maggiore resistenza ai normali vetri, rendendoli circa 4 volte più resistenti del normale.

Fonte:  rifaidate.it

Contatta l'autore per ulteriori informazioni










     Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.



    spot_imgspot_img

    Articoli correlati

    Ultimi articoli