venerdì 1 Luglio 2022

traduzione automatica

venerdì 1 Luglio 2022

traduzione automatica

    Museo del vetro di Piegaro

    Nel cuore dell’antico borgo di Piegaro in Umbria, alla base di un’imponente ciminiera in mattoni, sorge il complesso dell’antica vetreria, sede del Museo del Vetro.
    L’edificio è molto suggestivo un vero esempio di archeologia industriale che racconta la centenaria storia della produzione vetraria a Piegaro, dal medioevo al XX secolo.

    Il Museo del Vetro è la testimonianza più importante di un’antica tradizione di lavorazione del vetro, che ha caratterizzato Piegaro e la sua economia, dal XIII secolo.
    L’edificio che attualmente ospita l’esposizione è l’ultima sede, dentro le mura del paese, della Vetreria che nel 1968 venne dismessa, spostando la produzione in un impianto nuovo alla valle del paese, tuttora esistente.

    Il Museo è stato inaugurato il 18 aprile 2009 conserva l’antico aspetto della Vetreria e custodisce molteplici tipologie di manufatti usciti dalle fornaci piegaresi, che sono solo una parte della produzione della fabbrica degli ultimi due secoli. Tali oggetti sono stati realizzati con varie tipologie di lavorazione.
    La più antica e diffusa, praticata negli impianti di Piegaro, fino agli anni ’50 del ’900, è la soffiatura, che poteva essere libera o in stampi.
    Negli anni ’50 del XX vennero introdotte le macchine semiautomatiche (di cui il museo conserva alcuni esemplari) in cui i manufatti venivano stampati all’interno di forme metalliche utilizzando aria compressa.
    Il fiasco che ha costituito per secoli le produzione principale delle Vetrerie Piegaresi, necessitava di un ulteriore passaggio produttivo da effettuarsi fuori dalla fabbrica: l’impagliatura. Questa occupazione che veniva svolta per lo più da donne aiutate da bambini ed anziani, costituì per molto tempo un’importante fonte di reddito per le famiglie del comprensorio.
    Le vetrerie di Piegaro producevano contenitori per la conservazione di vino, olio e oggetti di uso medio, come recipienti per medicine ed utensili per la cura del malato.
    Da segnalare, all’interno del percorso museale, alcune curiosità come il galleggiante per reti da pesca, la bottiglia di gassosa contenente una biglia in vetro che fungeva da chiusura, alcuni libretti paga degli operai conservati nella saletta delle giornate.
    Sono conservati anche documenti d’archivio risalenti al XIX e XX secolo, riguardanti il patrimonio e l’attività della fabbrica negli ultimi due secoli di storia.

    Per conoscere meglio questo luogo ecco gli orari di apertura del museo:
    Da Aprile a Settembre
    Da martedì a domenica: ore 10.00 – 13.00 e 15.00 – 18.00
    e nei giorni festivi: Lunedì di Pasqua, 25 aprile, 2 giugno.
    Lunedì: aperto su prenotazione
    1 maggio e 15 agosto chiuso.
    Da Ottobre a Marzo
    Venerdì, sabato e domenica: ore 10.00 – 13.00 e 15.00 – 18.00
    e nei giorni festivi: 1 novembre, 8 dicembre, 26 dicembre, 6 gennaio
    Da lunedì a giovedì: aperto su prenotazione
    24 e 25 Dicembre chiuso

    Fonte: https://www.museodelvetropiegaro.it

    Contattaci per ulteriori informazioni










       Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.



      Comunicati Stampa