venerdì 30 Settembre 2022

traduzione automatica

venerdì 30 Settembre 2022

traduzione automatica

    More

      Nel padel il nuovo MVP è il vetro stratificato

      Un nuovo sport sta appassionando l’Italia e coinvolgendo più di un milione di giovani e meno giovani negli oltre tremila campi da gioco presenti lungo tutta la penisola. Parliamo del padel, la disciplina cugina del tennis, ma sicuramente più democratica, che si pratica a coppie, in uno spazio rettangolare delimitato da pareti rigide

      La diffusione di tale sport è stata veicolata dalle testimonianze social di vip e sportivi, dediti alla racchetta a forma di pagaia. Ma ad aver reso popolare e appetibile il padel, per atleti e tifosi, è soprattutto l’impiego del vetro.

      Garantire la massima visibilità

      In principio, il padel si giocava sfruttando il rimbalzo della pallina su pareti in muratura o in legno. Ad oggi è, invece, il vetro a farla da padrone, dopo la prima apparizione a Mar del Plata nel 1989. Tale materiale consente infatti agli spettatori di assistere agevolmente alle partite e di godere appieno delle giocate più sorprendenti dei loro beniamini o amici. 
      Questa soluzione ha condotto ad un’ultima variante del campo: il padel panoramico, dove vengono eliminati anche i montanti metallici, tradizionalmente posti a sostegno delle singole lastre di vetro. 

      Safety first

      Come prescrive il regolamento di gioco di Federtennis al titolo I, punto C: “Le pareti possono essere di qualsiasi materiale trasparente od opaco […] purché abbiano un’adeguata consistenza per un rimbalzo della palla regolare ed uniforme. Qualunque materiale usato deve presentare una superficie uniforme, dura e liscia, senza alcuna asperità, che consenta il contatto del corpo o lo scivolamento della palla”. In altri termini, le pareti devono garantire la piacevolezza del gioco e soprattutto la sicurezza degli atleti

      Modifiche alla norma UNI 7697

      Ed è in questo contesto che scende (letteralmente) in campo il vetro. La revisione della norma UNI 7697 di fine agosto 2021 ha introdotto, infatti, nuove indicazioni per le pareti vetrate dei campi da gioco di padel. Tale norma ha lo scopo di guidare progettisti ed applicatori nella scelta del materiale.

      Dal vetro temprato a quello stratificato

      Per garantire la totale sicurezza di giocatori e pubblico non è più ammesso l’utilizzo del vetro temprato. Come accade per i finestrini laterali dell’automobile, questa tipologia di vetro non produce frammenti taglienti nell’eventualità di una rottura. Ma, nel contempo, non tutela l’atleta nel caso di ‘attraversamento’ della parete. Per tale ragione la scelta è ricaduta sul vetro stratificato. Quest’ultimo non si divide in molteplici pezzi quando fratturato e non può essere attraversato. Alla rottura, infatti, lo strato intermedio di materiale plastico interviene mantenendo insieme le due lastre.

      L’adozione nel regolamento della FIT?

      Come è noto, le norme UNI non sono vincolanti; la nuova UNI 7697 risulta, però, l’unico testo che può essere preso come riferimento in caso di contenzioso. Dal punto di vista normativo bisognerà dunque orientarsi verso il vetro stratificato, nell’auspicio che tale condizione sia presto inserita ufficialmente nel regolamento della FIT. 

      Fonti: sporteimpianti.it, padelmagazine.it

      Potrebbe interessarti anche: Una ricerca per rivestimenti intelligenti: adattabilità e risparmio
      Rimani aggiornato sulle ultime news dal mondo del vetro, segui Vitrum su Instagram!

      Contatta l'autore per ulteriori informazioni










         Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.



        spot_imgspot_img

        Articoli correlati

        Ultimi articoli