martedì 30 Novembre 2021

traduzione automatica

martedì 30 Novembre 2021

traduzione automatica

    More

      Manufatti in vetro: la loro storia

      La storia del vetro e della sua lavorazione è antichissima: ogni volta quando utilizziamo una brocca o un bicchiere, dovremmo ricordarci della millenaria tradizione!

      Scegliere un contenitore alimentare in vetro significa senza dubbio guardare al futuro: innegabili sono infatti i vantaggi apportati dal vetro in termini di sostenibilità e riciclo.

      La storia dei recipienti in vetro affonda le sue radici in un passato antichissimo.
      Il più antico reperto in vetro ad oggi noto risale all’Egitto del 1500 a.c.! Si tratta di un recipiente dal colore celeste opaco, oggi conservato nella collezione egiziana del Museo Statale di Monaco di Baviera.

      La tecnica di fusione della sabbia per creare manufatti è difficilmente localizzabile in una specifica regione e in una specifica era.
      Nel periodo Neolitico la lavorazione dell’ossidiana era già diffusa.

      La scoperta vera e propria della materia vetrosa in forma di pasta vitrea si data, invece, al terzo millennio a.c. – e si colloca fra Mesopotamia e Alto Egitto.

      Di questo “mondo” abbiamo preziosi reperti: lettere alfabetiche scritte in vetro, preziosi pendenti, frammenti di gioielli e monili di varie forme.
      Si trattava ancora di una tecnica rudimentale: che permetteva di ottenere solo oggetti piccoli e tendenzialmente opachi.

      Come la storia ci racconta, sono stati i mercanti fenici a diffondere questa tecnica in più aree geografiche.
      I reperti in vetro conosciuti iniziano infatti a moltiplicarsi e diffondersi su più ampia scala.

      E’ l’Antico Egitto a distinguersi per la propria produzione del vetro. Lo sfarzo che caratterizzava le varie dinastie si esprimeva anche attraverso questi manufatti.

      La qualità eccezionalmente alta del vetro egiziano si deve dunque anche a questa ricerca di nuove e migliori tecniche, per creare nuovi e migliori ornamenti.
      Nel sito archeologico di Amarna, per esempio, sono state rinvenute canne e bacchette, utilizzate per meglio soffiare la pasta vitrea ancora bollente.
      Si giunge così alla produzione dei primi recipienti, oggetti cavi: coppe, bottiglie e vasi.

      Spesso colorati dal cobalto o dal turchese (materiale che veniva aggiunto agli ingredienti “base” della sabbia silicica), avevano rifinite decorazioni a festoni. Si aggiungeva così al tono blu della base una sfumatura bianca – ora gialla, ora marrone. Per creare questi oggetti tanto rari, occorreva chiaramente una tecnica altrettanto definita e precisa: ed è a questa grande e antica sapienza che noi “attingiamo”, quando utilizziamo le nostre bottiglie e i nostri bicchieri.

      Fonte: meglioinvetro.it

      Contatta l'autore per ulteriori informazioni










         Leggi la nostra Privacy and Cookies Policy e accetta le condizioni di utilizzo e trattamento dei tuoi dati. Tratteremo sempre le informazioni da te inserite con rispetto.



        spot_imgspot_img

        Articoli correlati

        Ultimi articoli